Musical duels - Atto II: AXEL TROLESE - FILIPPO TENISCI

17mar17:3019:00Musical duels - Atto II: AXEL TROLESE - FILIPPO TENISCI17:30 - 19:00(GMT+01:00) Auditorium Museo Piaggio, Viale R. Piaggio, 7

Dettagli evento

17 MARZO DOMENICA

Ore 17.30 – Auditorium Museo Piaggio

Filippo Tenisci, pianoforte
Alex Trolese, pianoforte
Marco Gallenga, musicologo

Bando per chi crea SIAE 

 

FILIPPO TENISCI
Classe 1998, formatosi in età infantile con M^ Emira Dervinyte e successivamente coi maestri, Massimo Spada, Roberto Galletto, Daniel Rivera e Maurizio Baglini. Pianista versatile, specializzato nel repertorio romantico; ha curato l’incisione integrale delle trascrizioni Wagner/Liszt per la nota etichetta discografica Da Vinci Pubblishing e ha registrato nel 2021 la 2^ Sinfonia Beethoven/Liszt per RAI 5 in occasione del documentario “UT Musica – Il Mascagni a Livorno”. Ha concluso i suoi studi nel 2022 presso il Conservatorio Pietro Mascagni di Livorno laureandosi con 110, Lode e Menzione d’Onore ed è stato eletto come Miglior Laureato Accademico 2021/22 ottenendo il Premio Galletta. Vincitore e finalista di numerosi concorsi nazionali e internazionali come l’International Competition for youth “Dinu Lipatti”, Premio Franz Liszt di Roma, Riga International Competition for young pianists, Concorso Marco Bramanti (18esima edizione), Premio Crescendo, Premio Giannoni, Concorso “Armonie della Sera”, Concorso “Resonances” di Parigi etc. Nel 2021 ha debuttato con l’orchestra di Roma Tre eseguendo il Concerto n.15 K.450 di W.A.Mozart, sotto la direzione del M° Sieva Borzak. Sempre con Roma Tre Orchestra, nell’ambito del Baglini Project, ha suonato nel concerto per 3 pianoforti e orchestra di W.A.Mozart, con i pianisti Giuseppe Rossi ed il M° Maurizio Baglini. Si è esibito in moltissime sale da concerto prestigiose come L’Auditorium Parco della Musica di Roma, Il Teatro Verdi di Pordenone, L’Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia di Roma Tre, Teatro di Monfalcone, Istituto Tostiano di Ortona e in numerosi Festival Internazionali come 36° Festival Liszt di Albano Laziale, FestivaLiszt di Grottammare, Il suono di Liszt a Villa D’Este, Festival Pontino di Sermoneta (52°, 55° e 56°), Festival Federico Cesi, Villa Pennisi in Musica, La Milanesiana, “Villa Borghese Piano Day”, Fano Music Fest, Livorno Music Festival, Scriabin Concert Series, Propatria Festival, Classic for Teens, Monferrato Classic Festival, Pontedera Music Festival ed altri. Molto attivo in ambito Internazionale, in occasione della Festa della Repubblica Italiana 2023, su invito del Console Generale, ha debuttato alla City Hall di Hong Kong, riscuotendo successo e approvazione da parte di tutto il pubblico. Si è inoltre esibito in: Inghilterra al Keyboard Charitable Trust, in Spagna presso la Sala Eutherpe di León, Romania, Germania, Lettonia, Bosnia, Francia, e Svizzera riscuotendo sempre un ottimo successo tra il pubblico ed ottime recensioni dalla critica e dalla stampa.


AXEL TROLESE
Durante la sua formazione ha studiato con alcuni dei più importanti musicisti a livello internazionale, tra cui Louis Lortie, Benedetto Lupo, Maurizio Baglini e Denis Pascal. Ha ottenuto due Lauree al Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi e all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, e il Diploma al Conservatorio Monteverdi di Cremona. È stato un artista in residenza presso la Queen Elisabeth Music Chapel. Nel 2022 ha ricevuto la borsa di studio “Giuseppe Sinopoli” da parte del Presidente della Repubblica Italiana e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Oltre alla pratica del pianoforte “moderno”, Trolese suona anche il fortepiano e il pianoforte storico. Nel 2022 è stato un artista in residenza presso il Valley of the Moon Music Festival di Sonoma (California), rassegna concertistica di musica da camera che prevede l’uso esclusivo di strumenti storici. Diciottenne, ha inciso l’integrale delle Études di Debussy per il suo debutto discografico nel 2016, ricevendo un unanime successo di critica. Negli ultimi anni si è dedicato appassionatamente al repertorio pianistico spagnolo, pubblicando due dischi per Da Vinci Classics nel 2021 e nel 2023, dedicati all’integrale di Iberia di Albéniz, associata a composizioni coeve di De Falla, Turina, Ravel e Mompou. Premiato in numerosi concorsi internazionali (“Ettore Pozzoli Piano Competition”, “Grand Prix Alain Marinaro” e “Premio Venezia”), Axel Trolese si è esibito in Europa, America ed Asia, in sale e rassegne come l’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Teatro La Fenice di Venezia, la Salle Cortot di Parigi, l’auditorium Flagey di Bruxelles, il Dresdner Musikfestspiele, il Keyboard Charitable Trust di Londra, il Ministero della Cultura Francese, la Millennium Concert Hall di Pechino, il Quirinale, la Società del Quartetto di Milano, l’Amiata Piano Festival, l’Accademia Filarmonica Romana, il Teatro Verdi di Pordenone, il Festival delle Nazioni, il Museo di Belle Arti di Rouen, la Weimarhalle di Weimar e la Fazioli Concert Hall di Sacile. Alcuni dei suoi concerti sono stati trasmessi in diretta da Rai Radio 3, France Inter, Venice Classic Radio e Radio MCA. Ha suonato con orchestre quali la Jenaer Philharmoniker, i Solisti Aquilani, l’Orchestre de Chambre de Wallonie e la Roma Tre Orchestra, lavorando con direttori quali Massimiliano Caldi, Markus L. Frank, Ovidiu Balan e Jesús Medina. Trolese è apparso in un documentario realizzato da ARTE dedicato al compositore italiano Roffredo Caetani, interpretando alcune sue composizioni sul gran coda Bechstein regalatogli dal suo padrino Franz Liszt. Axel Trolese è docente di Pianoforte al Conservatorio “Agostino Steffani” di Castelfranco Veneto.


MARCO GALLENGA
Fiorentino classe 1981, inizia lo studio del violino alle scuole medie musicali sotto la guida del M° Marco Papeschi, per proseguire al Conservatorio Cherubini con il M° Roberto Michelucci. Consegue nel 2005 la laurea triennale in Disciplina delle Arti, della Musica e dello Spettacolo presso l’Università degli Studi di Firenze con tesi in Musica per Cinema, nel 2016 consegue la laurea magistrale in Scienze dello Spettacolo, percorso musicologia e beni musicali, sempre presso l’Università degli Studi di Firenze con la votazione di 110/110 e lode, con tesi dal titolo LA COLONNA MUSICA DI MARIO CASTELNUOVO-TEDESCO PER AND THEN THERE WERE NONE DI RENÉ CLAIR. Nel 2020 presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze consegue la laurea triennale di I livello in Didattica della Musica per strumento (VIOLINO) con tesi: TRA SEGNO E SUONO: TRE ATTIVITÀ DIDATTICHE. Partecipa al workshop internazionale sulla ricerca in musica nel biennio 2017/2018 promosso dal Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze, il Conservatorio “Giuseppe Verdi“ di Milano e l’Orpheus Institute di Ghent (Belgio), con il progetto L’improvvisazione nella didattica per violino. Dal 2016 collabora con l’Orchestra Regionale della Toscana in qualità di didatta e musicologo per la formazione nel progetto Invito alla musica rivolto ai licei e istituti superiori dell’area fiorentina. Dal 2015 insegna violino presso scuole musicali e associazioni dell’area fiorentina. Dal 2020 è collaboratore del comitato scientifico presso il Centro Studi Luigi Boccherini di Lucca, in veste di musicologo, didatta e catalogatore. Dal 2020 collabora con il Centro Studi Giacomo Puccini in qualità di catalogatore. In qualità di violinista collabora in progetti e formazioni musicali sia in ambito rock/blues che di musica classica. Dal 2021 è selezionato per il XXXVII ciclo di dottorato in Musicologia presso l’Università degli Studi di Firenze, con progetto di ricerca dal titolo “La diffusione della musica strumentale italiana nella Spagna del XVIII secolo: i casi di Luigi Boccherini e Gaetano Brunetti”.

 

 

 

Mostra tutta la descrizione

Quando

(Domenica) 17:30 - 19:00(GMT+01:00)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere